Differenza fra creatura senziente e macchina

Credo che la macchina/robot/androide, come lo volete chiamare, potrà essere paragonata a una creatura senziente solo quando raggiungerà la capacità istintiva/intuitiva all’empatia. L’empatia non può essere programmata e se anche lo fosse non coprirebbe tutte le situazioni possibili, puo’ essere anche acasuale, personalistica, soggettiva. Non la proviamo in tutte le occasioni o per tutte le…

Continua a leggere →

Pensieri su monoteismo e politeismo

Qualche notte fa durante il dormiveglia, la mia mente ha iniziato a confrontare arbitrariamente politeismo e monoteismo: Politeismo: molti dei,fruizione maggiormente personalistica delle divinità, maggiori difficoltà di gestione delle divinità a scopo “politico” per via della frammentazione, accettazione possibile di altri dei che si accodano/mischiano alle divinità già esistenti. Monoteismo: un Dio solo, fruizione personale…

Continua a leggere →

Tao Tao (parte 2)

Tao Tao 2 Riprendiamo il discorso sul Tao, dicevo nel precedente post di come questa religione si fosse insinuata in me sottopelle. Il Tao una volta iniettato, ha proseguito a modificarmi nel corso degli anni; all’epoca ero sicuro che il Tao fosse dannoso, ora non saprei dire, di certo lo odiavo; la sua passività distruggeva…

Continua a leggere →

Tao Tao (parte 1)

Il taoismo l’ho scoperto per caso in un volume preso in biblioteca (di cui non ricordo né autore, né casa editrice e qui c’è dell’ironia Taoista) verso la fine dell’ultimo anno delle superiori. Il taoismo è una religione del tutto particolare in cui l’entità divina è si onnipresente ma non impositrice, Il Tao non ha…

Continua a leggere →

Mi siedo e osservo

Il mondo gira e rigira, passano gli anni e sommo cicli ripetitivi quasi in tutto. Lo sport in Tv mi aiuta a semplificare: mondiali su mondiali; eroi e rivalità che arrivano e poi spariscono; apici e fantasmi che si estinguono diventando ricordi. Si insinua nella vita di tutti i giorni uno strano distacco (o saggezza),…

Continua a leggere →

Freud

Poco prima di Nietzsche e del suo Zarathustra, mi era capitato fra le mani Freud. Un libricino sulla psicoanalisi. Ero molto felice di iniziare a leggere una delle personalità più influenti della storia, creatore della psicologia. Ma la faccio breve, premettendo che sono conclusioni soggettive: mi ha adirato, o detto al giorno d’oggi: ‘ncazzato proprio.…

Continua a leggere →

Nietzsche e i pericoli della filosofia

In questo post vorrei parlare del mio incontro fra Zarathustra e me. Lo Zarathustra di Nietzsche, per chi non lo sapesse é…eh…come si fa a riassumere…diciamo che tratta le avventure di un ipotetico profeta (ipotetico nella sua dottrina, Zarathustra fu il creatore dello zoroastrismo nel II millennio a.c.) che è disceso a pulire il mondo…

Continua a leggere →

Botticelli

Sono di ritorno  dagli Uffizi di Firenze, visti per la prima volta. Botticelli è stato il pittore che alle medie ho scelto, come “padre putativo” all’interno del corso di Arte. Il corso era strutturato in modo che ogni alunno scegliesse liberamente un grande artista da cui copiare alcune opere (idea meravigliosa). Non avevo mai visto un quadro dal…

Continua a leggere →

Istinto e piacere, rischi nell’era moderna

Ciao ragazzi, Stavo pensando alla differenza che corre tra piacere ed istinto: come sono legati, se sono legati, con che meccanismi, come funzionano, che rischio si nasconde nella nostra epoca a confondere i due elementi. Io accomuno banalmente l’istinto alla parte primordiale del nostro essere, basilare chiamiamola, anche se di basilare ha poco, ma giusto…

Continua a leggere →

Va-lentino parte 2

Ho fatto passare un po’ di tempo…lo sapevo… Lorenzo ha promesso i Pokemon al Bimbo Minkia. La vergogna è servita.    

Continua a leggere →

Page 1 of 3